L'Italia è ultima in Europa nella Banda Larga

Non c'era bisogno della ricerca della stampa britannica per evidenziare l'arretratezza del nostro Paese. Però e sempre utile aggiornarsi sulla classifica!


Dalla nostra esperienza quotidiana di soluzione di problemi tecnici a tutto campo, sappiamo bene come, in tutto il territorio nazionale, il problema maggiore che s'incontra nel tentare d'organizzare qualsiasi servizio tecnologico è la connettività ad alta velocità.

La conseguenza di tutto ciò è l'impossibilità di raggiungere organizzazioni simili alle altre nazioni "civili" se non con maggiori costi o con soluzioni non sempre ottimali, sia per i comuni utenti, ma anche e soprattutto per le aziende, considerato che molti dei servizi IT di nuova generazione, come il cloud, devono avere come condizione necessaria la banda larga stabile.

A conferma di tutto ciò, se ce ne fosse ancora bisogno, basta leggere i dati di Ookla, ripresi da quotidiano britannico "The Independent", ormai diventati standard mondiale di fatto sulla velocità delle connessioni: l’Italia si piazza all’ultimo posto per velocità della banda larga, con una velocità di 9,1 Mbps. Peggio anche della Namibia a quota 9,4 megabit per secondo. Allo stato attuale i due paesi più performanti al mondo sono Singapore (oltre 100 Megabit) e Hong Kong (96 Megabit).

Il paese peggiore è il Benin con il picco negativo di 1,08 megabit per secondo. In Europa nelle ultime posizioni ci sono, oltre all'Italia, la Croazia, la Bosnia, il Montenegro, l'Albania e la Grecia. In testa la Svezia e la Romania con oltre i 50 megabit per secondo. Tra i 45 e i 50 si trovano Svizzera, Paesi Bassi e Lituania. Sorprende anche il Regno Unito con solo 29 Mbps.

In Italia si parla già da tempo di Agenda Digitale e di necessità per tutta la popolazione di avere almeno questo prezioso strumento, ma i ritardi attuativi allo stato dei fatti sono notevoli. Per rimediare a questa situazione, già il prossimo venerdì il Consiglio dei ministri dovrebbe adottare il Piano nazionale per la banda ultralarga, che dovrebbe prevedere tempi molto stretti per il varo degli appositi piani da parte degli operatori Tlc. Speriamo bene! L'analfabetismo digitale ci perseguita!

Gianni Romano
Direttore Tecnico
Altectrade Srl





I cookie ci aiutano a offrire servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie. We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information